La città turca della Plaster School, Reyhanli, è sotto attacco da giorni e ha subito bombardamenti. Il conflitto tra la Turchia e Siria è pesante, i turchi non vogliono che si crei uno stato cuscinetto curdo al loro confine e hanno aperto il fuoco. La risposta non è tardata e colpisce le città turche più prossime alla Siria come Reyhanli, dove sono stanziati molti profughi siriani.

Senza entrare ulteriormente nel problema e nello scacchiere mondiale, quello che succede è che la scuola si è fermata per una settimana e le persone hanno paura. Sono i più deboli, sempre a farne le spese. I bambini. I "nostri bambini". Gli insegnanti della Plaster School vanno a trovare a casa i bimbi e cercano di portare conforto. Ma la situazione è tesa.

OGGI VOGLIAMO RISPONDERE ANCORA CON IL NOSTRO VIDEO BASTA, con due righe di messaggio, con quello che possiamo... con l'hashtag #EVERYCHILDISMYCHILD

Vogliamo far sentire la nostra voce, il conflitto è sporco e sulla pelle delle persone che abbiamo incontrato, conosciuto, per cui stiamo lavorando.