La nostra missione

“I tuoi figli non sono figli tuoi, sono i figli e le figlie della vita stessa”. (Kalhil Gibran)

Per lo stesso motivo noi pensiamo che ogni bambino nel mondo, soprattutto quello rimasto
solo, che soffre, è in difficoltà o in una grave situazione di disagio sia il bambino di tutti e che sia
nostra, collettiva, la responsabilità di renderlo un adulto sereno ed equilibrato.
E felice.

I bambini, rispetto agli adulti, si trovano molto spesso e maggiormente in difficoltà a gestire i
sentimenti dolorosi, perché non hanno gli strumenti e il linguaggio per fronteggiarli, spesso non
sono nemmeno consapevoli di quello che stanno vivendo, non essendo capaci di esprimere il loro
star male, come invece gli adulti hanno imparato a fare.

Ogni bambino è il mio bambino, di qualunque nazionalità o ceto sociale, che sia un piccolo
sopravvissuto al bombardamento che ha ucciso i suoi genitori o distrutto la sua casa, un bambino
che arriva da solo in un paese straniero, un orfano abbandonato o un figlio di genitori che hanno
bisogno di aiuto.

Insieme, noi possiamo dargli una voce e fare la differenza insegnandogli il potere
liberatorio delle parole: PAROLE DA DIRE.

.00